Italian (IT)

Login/Signup



EUR

PERETA
A pochi chilometri da Magliano, sul­la Statale per il Monte Amiata Si incontra Pereta, caratteristico paesino di collina, immerso nel verde Sin dal suo primo mostrarsi, s’avverte la sensazione di entrare in un libro di storie medioevali, popolate di cavalieri, tornei, amori ed intrighi. Per non parlare poi del camminare tra i suoi vicoli stretti e silenziosi che suscitano l’entusiasmo di essere tornati indietro nel tempo. E’ emozionante come quelle linee rigidamente antiche, ci diano l’impressione di trovarci tutt’a un tratto di fronte al mondo medioevale del “menestrelli, saltimbanchi e giocolieri”. Bene, ancora oggi Pereta ha la sua torre, la sua storia d'amore e i suoi menestrelli.

A dire il vero non proprio menestrelli variopinti, ma anziani personaggi popolari, qui definiti "poeti d'ottava" che si destreggiano in agguerriti tornei vocali, incitati da un buon bicchiere di vino. La storia d 'amore è quel/a di Margherita Aldobrandeschi e Nello, signore della Pietra, che tra il 1290 e il 1295 circa, vissero tra le fredde mura, del cassero le loro brevi ma appassionate vicende sentimentali.

Cenni storici
Edificato dagli AIdobrandeschi tra il X e l'XI sec. Pereta divenne un importante centro militare posto a guardia di un passaggio stradale obbligato che collegava la costa con la montagna. Tuttavia dai ritrovamenti archeologici avvenuti intorno al borgo, sembrerebbe che la vita vi si svolgesse già in epoca etrusca e romana. La memoria più antica rimane comunque un atto notarile datato 8 agosto 1032. Dal documento s'apprende infatti che Albizio del fu Pietro vendette a Signoretto del fu Otto, un pezzo di terra a Pereta, nel Contado Rosellense, con tutte le case, vigne e terre, per il prezzo di venti soldi d'argento.

Centro storico
Il centro storico di Pereta, sebbene privo di edifici con particolarità artistiche e monumentali, offre un interessante tessuto urbano che, sviluppatosi tra il X e XV sec., ha mantenuto intatti quei caratteri originali di borgo medioevale fortificato. Il nucleo abitativo più antico, edificato dagli Aldobrandeschi tra il X e il XII sec. è ben visibile sulla parte alta del paese, racchiuso da una serie di edifici affiancati sino a formare un recinto circolare dove le pareti esterne ebbero funzione di mura difensive.

L'interno del borgo
Da una porta ad arco tondo, sormontato da uno stemma con simbolo araldico, si accede all'interno del borgo dove possiamo ammirare alcuni interessanti edifici con facciata quattro-cinqiiecentesca e la poderosa torre dell'orologio, (1300-1400) costruita in conci dì pietra locale, e alta ben 28 metri. È presumibile infine che nel borgo vi fosse un edificio dì culto, forse I 'antica chiesa di S. Bernardino, più volte citata nei documenti storici. Infatti nel cortile di una abitazione privata si conserva un portale in travertino nel cui architrave è scolpita la tipica sigla ecclesiastica 'D. O. M.'' (Deo optimum maximum). Questa parte del castello, doveva certamente costituire la residenza dei Signori feudatari. A seguito di un forte incremento economico e sociale (1200-1400) il castello fu ampliato a partire dalla prima metà del '400 grazie soprattutto agli aiuti della Repubblica dì Siena. Così l'antico borgo sì arricchì di nuovi edifici sia pubblici che privati, di nuove strade, nuove piazze e soprattutto di una nuova cinta muraria.

Le mura
Della cinta muraria, ancora in buona parte conservata, rimangono visibili un grosso torrione rotondo con base a scarpa che sembra, stranamente, isolato dal perimetro della cinta ed alcuni tratti di muraglia in gran parte coperti dalla vegetazione, a Nord Nord-Ovest, dove sporge una torre quadrata. I documenti storici ci riferiscono che i primi interventi di Siena in proposito delle mura castellane di Pereta, sì ebbero tra il 1383 e il 1401. Un grosso cantiere di lavoro fu poi istituito dal 1481 al 1487 che portò al definitivo recupero della cinta muraria. Tali interventi si rilevano dagli annali dei 5 Regolatori in Siena con l'esatta stima e progettazione dei lavori firmati dal Maestro Girolamo e dal Maestro Pietro dell'Abbaco.

La porta d'ingresso
Una valida dimostrazione delle capacità raggiunte dagli architetti senesi del 1400, ci è data dalla monumentale porta d'ingresso. Questo gioiello di ingegneria militare, presenta due aspetti notevolmente differenti: il lato interno e il lato esterno. Il lato esterno, con la porta d'ingresso ad arco ribassato, il soprarco a sesto acuto e gli archetti pensili sorretti da mensole stondate, ci riportano alla maniera senese del '400, mentre il lato interno, costituito da un arco a tutto sesto, sormontato da un arcone a forma di semicerchio è ricollegabile al 1500. È probabile che sia opera dell'architetto Piero Cattaneo, noto per aver lavorato molto alle fortificazioni di PorIo Ercole e Orbetello durante lo Stato dei Presidi. È documentato che l'architetto Piero Cattaneo dovesse provvedere a "resarcire la porta di Pereta che minacciava rovina". Di difficile datazione è la merlatura che corre per tre lati mentre le feritoie delle bombardiere orientate ciascuna verso ogni strada, sono originali.

Fonte: www.comune.magliano-in-toscana.gr.it/

NEI DINTORNI DELLA LOCANDA

Image not available
Image not available

La cinta muraria di Magliano è una delle più interessanti e complete fortificazioni che si possono ammirare in Maremma e in Toscana. Le mura di Magliano rivelano due diversi tipi di architettura militare. Sul lato Sud-Est, con torri a pianta quadrata per un breve tratto, sono mura medioevali. I conti Aldobrandeschi ne terminarono la costruzione nel1323 come è inciso su una lapide consunta dal tempo murata dietro la torre di Porta S. Giovanni. Le mura sul lato Ovest sono diverse, infatti sono state costruite dalla Repubblica di Siena nel 1400. Probabilmente le mura più antiche circondarono prima la Pieve di S. Martino poi quella di S. Giovanni Battista. Attualmente ne resta in piedi il breve tratto che comprende Porta S. Giovanni.

Image not available
Image not available

A pochi chilometri da Magliano, sul­la Statale per il Monte Amiata Si incontra Pereta, caratteristico paesino di collina, immerso nel verde Sin dal suo primo mostrarsi, s’avverte la sensazione di entrare in un libro di storie medioevali, popolate di cavalieri, tornei, amori ed intrighi. Per non parlare poi del camminare tra i suoi vicoli stretti e silenziosi che suscitano l’entusiasmo di essere tornati indietro nel tempo.

Image not available
Image not available

La storia di questa straordinaria acqua solfurea, dalle innumerevoli proprietà curative, è avvolta nella leggenda popolare: si narra infatti che, in epoca antichissima, gli uomini sulla terra fossero in continua lotta tra loro e che il dio Saturno, stufo dei continui litigi tra gli umani, abbia lanciato un fulmine di fuoco sulla terra originando un cratere; da questa fessura iniziò ad uscire acqua calda con densi fumi e vapori. Gli uomin

Image not available
Image not available

Pitigliano è situato a 313 metri sul livello del mare su un promontorio tufaceo di suggestiva bellezza, delimitato da valli verdissime percorse dai fiumi Lente e Meleta. Il nome Etrusco non è conosciuto, forse trattasi di quella Statnes (o Staties) che in epoca romana divenne Prefettura e fu detta Statonia.

Image not available
Image not available

Le prime documentazioni storiche attinenti al centro di Sorano risalgono al III sec. a.C., periodo in cui comincia la conquista romana dell’Etruria. Per ciò che concerne le epoche anteriori non si hanno notizie ben precise, anche se i rilevamenti di origine villenoviana nella vicina Pitigliano lasciano intendere un probabile insediamento anche nell’area soranese.

Image not available
Image not available

Sovana, suggestivo borgo dall’atmosfera ferma nel tempo, rappresenta un raro gioiello di urbanistica medievale. Dal 7° al 3° secolo avanti Cristo fu un fiorente centro etrusco; di questo periodo è la importante Necropoli Etrusca con la sua tomba “regina” chiamata Tomba Ildebranda a forma di tempio greco. Fu poi importante città in epoca romana, tanto è vero che nei primi secoli del Cristianesimo divenne sede vescovile

Image not available
Image not available

Il Parco naturale dell'Uccellina, in Maremma, è vasto oltre 10.000 ha e si estende sul tratto costiero tirrenico da Principina a Mare a Telamone mentre a est arriva fino alla statale Aurelia: è stato istituito nel 1975 dalla Regione Toscana con legge regionale n.65 del 5 giugno 1975.

Image not available
Image not available

Tra il 1979 il 1996, l'artista francese Niki De Saint Phalle ha realizzato, nel cuore della Maremma, in una zona posta tra il litorale costiero e le coline più boscose dell'entroterra, l'opera che può essere considerata la sintesi di tutto il suo percorso artistico. Questa è composta da gigantesche sculture, alte circa 12/15 metri che raffigurano i ventidue Arcani Maggiori delle carte dei Tarocchi.

Image not available
Image not available

Monte Argentario era probabilmente in origine un'isola successivamente "ancorata"alla costa tirrenica dai tomboli della Feniglia e della Giannella, formatisi per l'accumulo dei detriti trasportati dai fiumi e dalle correnti marine. Il primo insediamento umano all'Argentario risale certamente ad epoche remote, lo attestano i numerosi reperti archeologici sia nella Grotta degli Stretti che in quella di Cala dei Santi.

Image not available
Image not available

Il paese nasce sul territorio dell'Argentario, e dal suo porto è possibile raggiungere in pochissimo tempo alcune delle isole dell'Arcipelago Toscano, come l'Isola del Giglio, Giannutri e l'isola d'Elba; di particolare interesse a Porto Santo Stefano troviamo la Fortezza Spagnola, costruita nel periodo della dominazione dello Stato dei Presidi.

Image not available
Image not available

Suggestivo borgo marinaro sulla costa orientale dell'Argentario ed attrezzato porto turistico, Porto Ercole si affaccia su una baia dominata dalle possenti moli delle fortezze spagnole. Nella vicina Cala Galera fanno scalo ogni estate moltissime imbarcazioni da diporto attratte dalle funzionali strutture e dai servizi offerti da questo esclusivo approdo.